Solstizio D'inverno 2020: L'Era della Consapevolezza - EIDOS Formazione

ARTICOLI

Solstizio D’inverno 2020: L’Era della Consapevolezza

solstizio d'inverno

Solstizio 2020 ed Era Dell’Acquario

Oggi è il 21 Dicembre 2020 Solstizio D’Inverno.
Fin dai tempi più antichi, il Solstizio rappresenta un momento dell’anno in cui siamo più connessi con le energie della Terra.
L’essere umano cresceva in armonia con tutto ciò che lo circondava e portava attenzione alle stagioni come ai cicli della luna.
Riconosceva il valore del sole e i passaggi importanti che l’universo di cui l’essere umano faceva parte.

Conoscendo i misteri del cosmo e del Pianeta in cui viveva intesseva rituali e cerimonie utili a evolvere e a unire la parte visibile con quella invisibile.
Uno dei percorsi che l’uomo dei tempi antichi onorava era quello che attraversava la notte buia dell’anima che incominciava quando le ore di buio superavano quelle della luce, il mese più vicino a questo era il mese di dicembre.

In questo mese si portava l’attenzione alla propria profondità.

Il solstizio di dicembre è stato scelto per questo giorno poiché si diceva che significasse un “ritorno alla luce”.

Nel 2020, il 21 dicembre, si distingue come un giorno potente, non solo a causa del Solstizio, ma anche a causa di un allineamento molto raro che si realizza quest’anno noto come Grande Congiunzione.

In questo solstizio d’inverno 2020, Giove e Saturno, si trasferiscono dal Capricorno all’Acquario.
Un grosso mutamento per via del passaggio dall’elemento Terra all’Aria, due energie completamente diverse.

Le Grandi Congiunzioni che ora passano ai segni d’aria ci daranno un focus verso il collettivo e un approccio più basato sulla comunità.
Gli sforzi umanitari saranno importanti e la tecnologia sarà favorita.

L’energia si sposterà comunque  dal Capricorno-Terra (valori materiali, conservatorismo, amore per il potere, ambizione, solitudine, concretezza, responsabilità),
all’Acquario-Aria (intelligenza, comunicazioni, collaborazione, visione, utopia, libertà, spazio e cambiamento) e potrebbe essere l’inizio di una rivoluzione ed evoluzione per la nostra società.

L’Acquario simboleggia quindi, in primis, l’Uomo Nuovo, che azzera il passato con i suoi errori e si proietta verso un futuro completamente nuovo, diverso.

In questo passaggio sarà fondamentale la consapevolezza che abbiamo raggiunto, dalla comprensione che il vecchio mondo così com’è non può più esistere, e che il nuovo mondo dipende dalle nostre scelte.

Significato di Consapevolezza

Consapevolezza significa portare attenzione a ciò che sto pensando quindi ai miei pensieri, a ciò che sto sentendo quindi alle mie emozioni, a ciò che sto dicendo quindi alle mie parole e a ciò che sto facendo quindi alle mie azioni.
CONSAPEVOLEZZA= ASCOLTO= PORTARE ATTENZIONE= RICETTIVITÀ= INTERVALLO= PAUSA
Questo atteggiamento necessita di un’azione ricettiva da parte di se stessi, e per fare questo è necessario l’utilizzo della parte destra del cervello: creatività, istinti e intuito.
Nel momento esatto della nascita è esattamente questo l’atteggiamento che ogni essere umano mette in atto.
Ogni nuova vita è inerte a livello razionale e fisico,  il corpo che abbiamo come forma per vivere è totalmente nuovo e in via di sviluppo su tanti piani, siamo quindi totalmente nell’ascolto di noi stessi, collegati alla nostra parte più profonda e divina che guida ogni nostra costruzione razionale e logica.
Quando nasciamo non abbiamo il controllo del nostro corpo fisico, proprio perché è l’inizio di una grande azione, portare ciò che IO SONO nella FORMA E ESPRIMERLA.
Ognuno è il maestro di sé stesso – Ognuna è la maestra di sé stessa
Questa frase rappresenta, più di tutte, la CONSAPEVOLEZZA che nell’uomo è necessaria a uno sviluppo di crescita evolutivo, animico e spirituale.
Chi Sono?
Perché sono nato o nata?
Da dove vengo e dove vado?
Come percorro la mia vita?
Con chi la percorro?
Queste domande sono alla base di tutto ciò che spinge ogni essere vivente a un cammino di crescita e di consapevolezza.
La domanda è lo strumento più importante che ci sia, per un essere umano.
La scienza lo insegna molto bene, solo chi si fa domande può evolvere e arrivare alla consapevolezza.
Un essere umano ha dentro sé stesso miliardi di domande e i bambini sono chiara espressione e insegnamento di questo!
Il mio consiglio come insegnante è quello di porvi delle domande e poi andare nel mondo e fare l’esperienza della risposta.
E quando crederete di aver trovato la risposta vi accorgerete che è molto meno importante della domanda.
Infatti la domanda continua a stimolare la parte destra del cervello, spingendovi ad approfondire ancora di più e a trovare nel cervello sinistro la razionalità, la logica e l’analisi per comporre e dare forma ad un puzzle ancora più ampio.Felice Solstizio e Nuova Era a tutti Voi

Catia Massari
Fondatrice Eidos Formazione