Radiestesia antica disciplina legata alla natura - EIDOS Formazione
BLOG

Radiestesia antica disciplina legata alla natura

La Radiestesia è una indagine, legata al mondo olistico, che si applica in natura e sul corpo umano.
Il suo scopo è quello di prevenire eventuali disturbi o squilibri.

Storia della Radiestesia

La parola “Radiestesia” è formata da due radici, una greca radius “raggio” e l’altra latina aistetis ovvero “sensibilità” o “percezione”.

Questa pratica veniva utilizzata nel medioevo ma si ritrova in epoche più antiche.
Infatti è assimilabile alla geomazia, e altre pratiche divinatorie, delle quali si trovano testimonianze in tempi più remoti.
Questa tecnica era conosciuta già dal 2500 a.C. in Cina e nell’antico Egitto.

Mediante la captazione dell’irradiazione che ogni corpo, o sostanza emette, la Radiestesia consente di scoprire corpi o sostanze nascoste, conoscendone l’ubicazione, l’entità, la natura la specie e la qualità, senza tralasciare il tipo di influenza che questi corpi o sostanze possono avere gli uni sugli altri.

Secondo questa teoria, tutti i corpi emanano radiazioni che si possono percepire attraverso l’impiego di particolari mezzi o strumenti.

Nei tempi antichi si usava la classica bacchetta biforcuta in legno, la “bacchetta rabdomantica”.
Successivamente nel 1913, l’abate francese Mermet, radiestesita, presentò al congresso di Parigi un nuovo strumento: il Pendolo.

Come Funziona La Radiestesia?

La radiestesia non è una pratica misteriosa, complicato o esoterica. Non viene assolutamente usata per conoscere il futuro, parlare con i morti o scoprire eventuali tradimenti.
Al contrario, si tratta della capacità che ogni essere umano ha di mettersi in relazione con se stesso, imparando ad ascoltarsi e ascoltare l’ambiente in cui vive.
Un semplice dimostrazione che l’uomo è un essere multidimensionale.
Attraverso questa tecnica le persone sono in grado di percepire e valutare il mondo di informazioni ed energie invisibili che le circonda.

Con l’impiego di pendolo, bacchetta di legno o con i mezzi più moderni come antenna di Lecher o il bio-tensore il radiestesista è in grado di comprendere lo stato di benessere di un essere umano.

Ma non si ferma a questo.

Infatti questa disciplina sonda anche gli elementi naturali come l’acqua e i minerali, utili in diversi campi dall’agricoltura all’ecologia.

Tornando all’essere umano e operando sul corpo eterico, attraverso questa tecnica è possibile riscontrare squilibri e alterazioni presenti sulla persona.
Il pendolo verrà posizionato in relazione ai 7 chakra, posizionati lungo l’asse della colonna vertebrale e che rappresentano dei vortici di energia.
Servendosi di una mappa che li rappresenta, il radiestesista, farà scorrere il pendolo – o lo strumento utilizzato – su ognuno di essi.
A grandi linee in base al movimento o al non movimento dello strumento scelto dal radiestesista verranno fatte delle attente valutazioni sul punto energetico interessato.

Esaminare il corpo eterico è una pratica importante, infatti riscontrare preventivamente la disarmonia nella parte eterica può aiutare a prevenire e migliorare una disarmonia sul corpo fisico.
Le oscillazioni degli strumenti radiestesici, fungono da amplificatori di segnali, che se sapientemente rilevati possono contribuire alla risoluzione di molte problematiche.

 

Cara Catia,
Ti scrivo inanzitutto per RINGRAZIARTI🌹❤️
È da un paio di settimane che “casualmente” ho scoperto i tuoi oracoli del mattino e mi sto guardando le dirette passate e ora seguo con interesse e presenza.
Ovviamente sono capitati proprio in questo momento dove stanno/potrebbero Avvenire cambiamenti interessanti, momento in cui mi sento ancora più consapevole della vita e la mia strada si illumina sempre di più anche se ombre, dubbi, paure e giudizi e Ego vengono sempre a galla.
Sono qui perché voglio allenarmi ad osservare, a dire si alla mia anima e a trovare l’equilibrio accogliendo gli opposti. Proprio come parli nei tuoi video. Grazie per questo che dono che stai mettendo a disposizione per noi🙏💞

Sono felice in Germania e ancora di più perché sento una connessione potente con l’Italia e con te più che mai cara maestra. Davvero tante volte e anche più volte al giorno ti ringrazio nel mio cuore per tutto ciò che ho scoperto, imparato ed evoluto attraverso i tuoi insegnamenti e le tue pratiche.

Ho praticato Reiki alla mia coinquilina ed è stata meglio. Lo pratico al cibo e in altre occasioni. Anche al lavoro con i bambini o prima di dormire.

Il messaggio di oggi dell oracolo è guardacaso proprio quello che mi serve per ciò che sto vivendo.
La mia coinquilina è tosta ed è anche lei una maestra perché attraverso di lei vengono fuori emozioni antiche ma a volte è difficile perché mi arriva quella sensazione che lei “sa tutto” della vita e anche della mia e tocca tante corde delicate. Dice di essere una delle persone più positive che ci siano ma poi spesso si lamenta perché alcune sue aspettative non corrispondono e questo mi fa lavorare sui miei sensi di colpa e su ciò che invece io sono e i miei tempi che mi occorrono per evolvere.

Forse riuscirò a maggio a lavorare nell asilo nel bosco qua. Il mio sogno. E proprio quando si sta realizzando arrivano delle paure. Ed è interessante da osservare come ogni esperienza ha semplicemente i lati ombra e i lati luce come la luna ogni notte.

Le scelte per me sono sempre ardue e sto imparando che ogni scelta apre ad altre possibilità.

Lavoro poi sull’ironia. Prendo le cose un po troppo sulserio ultimamente mentre potrei vivere con molta più leggerezza.

È così bello il sentiero della vita e ora sono tornata a Trier e vivo proprio accanto al bosco e ogni giorno sono la a camminare e/o meditare.

Ti mando tanto Amore, anche a tutti a casa e alla tua associazione e accademia.

❤️🌹Aho🙏❤️💞

– Elena S. –

Nel 2013 vengo a conoscenza dell’Associazione il Richiamo di Catia Massari, decido di partecipare a una presentazione di cerchi di donne “Luna Rossa”. Quella sera decido di partecipare all’evento, è stata la scelta migliore che potessi fare per migliorare la mia vita. Catia mi è subito entrata dentro, la sua semplicità, il suo modo di esprimersi (fatti non parole) come dice sempre, poi il modo di presentare il progetto è stato per me un varco luminoso che si apriva. Da quel momento partecipo settimanalmente agli incontri: meditazione, reiki, cerchi di donne, viaggi sciamanici e tanti altri progetti. Catia in questi anni per me è stata un’insegnante, una guida, mi ha aiutato a comprendere la mia direzione, mi ha portato a fare chiarezza e comprende tante situazioni che mi causavano, dolore sia fisico, sia emozionale. Ad oggi la sensazione più forte è quella di avere imboccato la strada giusta per me. Catia in questo è stata la lanterna al mio fianco, pronta a sostenermi e a incoraggiarmi a trovare la mia direzione, il mio compito in questa vita. Grazie Madre di esserci sempre, un abbraccio di ❤️

– Monica N. –