Mindfulness, origini tecnica e benefici - EIDOS Formazione
BLOG

Mindfulness, origini tecnica e benefici

mindfulness

 

Origini della Mindfulness

 

Mindfulness è una parola che deriva dall’inglese e fa riferimento alla capacità di fermarsi e concentrarsi sulle proprie sensazioni.

Questa tecnica prende molto spunto dalle pratiche buddiste e dall’educazione emotiva.

Attraverso una vera e propria educazione alla pratica meditativa si raggiunge una nuova coscienza.

Le origini di ricerca della consapevolezza non possono essere ricondotte a un preciso contesto geografico o temporale.

Infatti si possono identificare tracce di questi studi in un ampio territorio che si espande dalla Cina alla Grecia, in periodo compreso tra i 2800 e 2200 anni fa.

 

Sappiamo però, che al giorno d’oggi, gran parte delle idee e degli interventi che prendono il nome di “mindfulness” sono frutto di un percorso iniziato da
Jon Kabat-Zinn, biologo e professore della School of Medicine dell’Università del Massachussets.

Jon Kabat-Zinn, a partire dal 1979, ha sviluppato un protocollo per introdurre la meditazione di consapevolezza come intervento in contesti clinici.

Egli la definisce così “Prendere coscienza e vivere in armonia con se stessi e il resto del mondo”.
La mindfulness è una tecnica in grado di unire la tradizione orientale alla psicologia moderna occidentale, un vero e proprio metodo per far fronte alle difficoltà e alle situazioni di disagio che si possono presentare nella vita di tutti i giorni.

 

Tecnica

Praticando la mindfulness si può ritrovare il proprio centro, e si può imparare a dare il corretto peso e valore alle cose.

Sono stati svolti molti studi su questa pratica, al punto di farle prendere molto piede in ambito lavorativo ed educativo.

 

La mindfulness si pone come scopo quello di attivare nelle persone

uno stile di vita più salutare, sereno, consapevole e accogliente.

Il valore dell’accoglienza è una caratteristica fondamentale per questa pratica, che si unisce a quello dell’osservare senza giudicare.

Una volta fatti propri questi due valori, si seguirà a valutare e trovare le soluzioni più adatte per risolvere una problematica, arrivando alla sua risoluzione nel modo più sereno possibile.

Nella fase iniziale del processo attuato dalla mindfulness, si pone l’attenzione su due riflessioni.
La prima sulla personale intenzione, la seconda sulla motivazione. Tenendo bene a mente questi due aspetti la pratica viene incanalata attraverso la giusta tecnica.

 

Pertanto, una volta che si arriva a fermarsi e osservare senza giudizio, vi sono diversi tipi di meditazione da poter poi praticare:

  • Meditazione seduta
  • Esplorazione del corpo: Il soggetto pone attenzione alle varie parti del corpo
  • Meditazione camminata: Tecnica dedicata a coloro che hanno difficoltà nello stare fermi, pertanto camminando cercheranno di concentrarsi e osservare dentro loro stessi.
  • Yoga consapevole: Pratica che unisce mente e corpo tramite esercizi specifici.

 

Nella pratica, uno psicologo, psicoterapeuta, counselor o esperto di mindfulness sarà in grado di proporre un livello introduttivo e iniziale di pratica di meditazione adatto ai contesti quotidiani e di vita delle persone che desiderano sperimentare questa pratica di benessere.

 

Benefici

É una pratica che consente di osservare e riconoscere quei pensieri che si possono definire come “nocivi” e che non consentono l’evoluzione interiore dell’uomo.
Inoltre la presa di coscienza emotiva unisce un modo nuovo di stare nel proprio corpo.

Si tratta di una pratica consigliata a coloro che tendono ad avere una mente inquieta.
É adatta a coloro che vogliono sviluppare il proprio centro e potenziare il magnetismo personale.
Viene anche consigliata a chi desidera sviluppare nuove tendenze, abbandonando automatismi, validando nuove capacità.

Cara Catia,
Ti scrivo inanzitutto per RINGRAZIARTI🌹❤️
È da un paio di settimane che “casualmente” ho scoperto i tuoi oracoli del mattino e mi sto guardando le dirette passate e ora seguo con interesse e presenza.
Ovviamente sono capitati proprio in questo momento dove stanno/potrebbero Avvenire cambiamenti interessanti, momento in cui mi sento ancora più consapevole della vita e la mia strada si illumina sempre di più anche se ombre, dubbi, paure e giudizi e Ego vengono sempre a galla.
Sono qui perché voglio allenarmi ad osservare, a dire si alla mia anima e a trovare l’equilibrio accogliendo gli opposti. Proprio come parli nei tuoi video. Grazie per questo che dono che stai mettendo a disposizione per noi🙏💞

Sono felice in Germania e ancora di più perché sento una connessione potente con l’Italia e con te più che mai cara maestra. Davvero tante volte e anche più volte al giorno ti ringrazio nel mio cuore per tutto ciò che ho scoperto, imparato ed evoluto attraverso i tuoi insegnamenti e le tue pratiche.

Ho praticato Reiki alla mia coinquilina ed è stata meglio. Lo pratico al cibo e in altre occasioni. Anche al lavoro con i bambini o prima di dormire.

Il messaggio di oggi dell oracolo è guardacaso proprio quello che mi serve per ciò che sto vivendo.
La mia coinquilina è tosta ed è anche lei una maestra perché attraverso di lei vengono fuori emozioni antiche ma a volte è difficile perché mi arriva quella sensazione che lei “sa tutto” della vita e anche della mia e tocca tante corde delicate. Dice di essere una delle persone più positive che ci siano ma poi spesso si lamenta perché alcune sue aspettative non corrispondono e questo mi fa lavorare sui miei sensi di colpa e su ciò che invece io sono e i miei tempi che mi occorrono per evolvere.

Forse riuscirò a maggio a lavorare nell asilo nel bosco qua. Il mio sogno. E proprio quando si sta realizzando arrivano delle paure. Ed è interessante da osservare come ogni esperienza ha semplicemente i lati ombra e i lati luce come la luna ogni notte.

Le scelte per me sono sempre ardue e sto imparando che ogni scelta apre ad altre possibilità.

Lavoro poi sull’ironia. Prendo le cose un po troppo sulserio ultimamente mentre potrei vivere con molta più leggerezza.

È così bello il sentiero della vita e ora sono tornata a Trier e vivo proprio accanto al bosco e ogni giorno sono la a camminare e/o meditare.

Ti mando tanto Amore, anche a tutti a casa e alla tua associazione e accademia.

❤️🌹Aho🙏❤️💞

– Elena S. –

Nel 2013 vengo a conoscenza dell’Associazione il Richiamo di Catia Massari, decido di partecipare a una presentazione di cerchi di donne “Luna Rossa”. Quella sera decido di partecipare all’evento, è stata la scelta migliore che potessi fare per migliorare la mia vita. Catia mi è subito entrata dentro, la sua semplicità, il suo modo di esprimersi (fatti non parole) come dice sempre, poi il modo di presentare il progetto è stato per me un varco luminoso che si apriva. Da quel momento partecipo settimanalmente agli incontri: meditazione, reiki, cerchi di donne, viaggi sciamanici e tanti altri progetti. Catia in questi anni per me è stata un’insegnante, una guida, mi ha aiutato a comprendere la mia direzione, mi ha portato a fare chiarezza e comprende tante situazioni che mi causavano, dolore sia fisico, sia emozionale. Ad oggi la sensazione più forte è quella di avere imboccato la strada giusta per me. Catia in questo è stata la lanterna al mio fianco, pronta a sostenermi e a incoraggiarmi a trovare la mia direzione, il mio compito in questa vita. Grazie Madre di esserci sempre, un abbraccio di ❤️

– Monica N. –